Eugenio Gioacchini (Ceriago) “La citadinanza del stucafisso”

Eugenio Gioacchini (Ceriago) “La citadinanza del stucafisso”

dal volume “Fresche e bone”

Dice che el stucafisso è forestiero
c’è el Westere, el Fimarche, el Lofotè)
nun è nostrale – dice. Sarà vero…
ma, el sapemo per pratiga, in Ancona
i forestieri viene acolti bè,
queli de raza bona,
anzi c’è ancora qula bela usanza
de daj per premio la citadinanza.

El stucafisso pò s’è traslogato
dai tempi de Noè, dal tempo antigo,
in te ‘sta cità nostra e … alora digo …
digo che nun è vero,
che nun cià propio gnente de stragnero,
manco la sesta pele.

Digo ch’è dele Tredici Canele,
ch’è imparentato cun la saraghina,
cui folpi, cui bigiati, le crucete;
el coco d’ogni coca è diventato,
el pridileto. Varda le donete
cun quanta grazietina
taia le rechie, j scarpe via la schiama,
el coce a fogarelo lento lento
(la bragia sot’e sopre)
ogni tanti rivàne a smicià drento,
toca, scandaia, ‘nasa, copre scopre;
… miga pare che coce … che ricama!?


Altri versi di Eugenio Gioacchini (Ceriago) qui: https://www.anconanostra.com/vernaculo/poeti/ceriago/ceriago.htm