Piero Pieroni “Le spuntature”

Piero Pieroni “Le spuntature”

da “Oio, sale e pepe”

Cos’è? Chi nun ce ‘l za? Sarìa i budeli
che stane ‘nte la panza dei viteli,
parenti de la tripa tanto bona
che te fa ciucià (1) i deti a qui in Ancona.

Indó se vende? Nun ce vò el cartelo,
basta che meti el naso verso el celo
e già ‘nte l’aria senti a di’: viè qua,
è sprofumate, è pronte per magnà.

C’è state sempre a lì ‘nte qu’l cantò
sota del Papa (2) ‘ndó c’è ‘l mascheró
che tiè qu’la canela. E’ ‘na matina!
Quelo tacato propio a la cantina,

pogu da longo ‘ndó sta la Mureta,
‘n’antiga traturia che se rispeta.
‘Ste spuntature cote sul fugó
è ‘na specialità, bona un bel pò.

‘Ncomìncene a fumà, po’ pia culore
e già te pare de sentì el sapore.
Ah, che sprofumo i da la garbonela!
Altro che al forno o drento la padela!

Col sale, l’ojo, el pepe, el rusmarì
te sorte fora un gusto, un buconcì
fato per queli che sa be’ magnà
e che nun gricia el naso, ma è a la ma.

Ha voja a butà l’aqua, la canela
ha voja a gurgojà, la funtanela!
A lì ce vòle un litro de qu’l vì’
che se beveva su da Gardelì (3).

‘Ste spuntature è un pasto da signore
e che a magnale nun è un disonore.
A Roma non se magna la paiata?
Dirà qualcuno: è mejo la fritata.

Per te, ma no per no’, pr’i anconetani;
semo parenti antighi dei romani.

1) leccare
2) Piazza del Plebiscito
3) rinomato oste con esercizio in via del Comune, conosciuto per il migliore rivenditore di ottimo vino. Era rinomato intorno agli anni 1910-1915.

Altri versi di Piero Pieroni qui: https://www.anconanostra.com/vernaculo/poeti/pieroni/pieroni.htm