Cesira “la canuta”

Cesira “la canuta”

Mezogiorno in Ancona era cume ‘na festa: sonavane le campane, sonava la sirena de l’Arsenale, rivava l’aroplano da Zara che calava giù drento al porto e … pà …, c’un colpo seco rivava la canonata de Monte Cardeto.
Alora era un fugi fugi generale de picioni dai palazi e da le piaze…
T’el digu io, era cume ‘na festa!…
I’arsenaloti, i portoloti, i manovali, i muratori, tuti queli che lavoravane a orariu, lasciavane ‘ndà’ pè un ‘ora, ie se diceva… l’ora de sciolta!
A ‘stu punto entravane in azió le “pranzarole”; ma chi erane ste pranzarole?
Erane done che passavane da na casa al’altra a ritirà i pranzi da purtà ai uperai; ‘rivavane in città da tuta la periferia: Palumbela, Pusatore, Pinochio, Tavernele e Piedalacroce. Piamo pr’esempio el grupo del Pinochio: Giulia, Pasqualina, Ameglia e Rosa la Capuralona, che ciavevane ‘n grosso cesto sula testa cun 20-30 pranzi per una; po’ c’era Cesira (nel libro erroneamente indicata come la sorella Argia) “la canuta”, che è quela dela foto, l’unica “muturizzata” del grupo: ciaveva un cariolo a dó rote! Verzo le dieci e meza passavane casa per casa a racoje sti fagoteli d’i pranzi”, facevane la strada inzieme fino in cità po’ se dividevane per ragiunge ugnuna la posta sua, ntéla cantina o ntél cantiere stabiliti, in modo che a mezugiorno ogni uperaio ciavesse el pranzo caldo (o perlumeno tiepido!) da casa. Aspettavane per ripià el fagotelo voto d’ugnuno e po’ via verzo casa. Verzo le dó e meza se ritrovavane tute a Borcelì Novo ma prima de rifà la salita del Pinochio se fermavane da Santì de Tombolì a fà ‘n stuzighì, cioè a magnà ‘n pezetì de pà magari cu ‘na sardelina, e ‘n bichiereto de vì che ie ridava la forza de fenì el giro: ripassà in tute le case a ripurtà i fazuleti cul tegamelo.
Questo tutti i giorni per “dó soldi a pranzo.