You are currently viewing Ancona e Bisanzio

Ancona e Bisanzio

Si legé i primi capituli dela Storia d’Ancona nté stu sito internè, ve ‘curgeré che Ancona è na cità ‘ntiga ‘n bel po’, ma prò del periudo grego, rumano e altumedievale se ne sa pogo o gnente, perché le cuscidete “fonti storighe” ène poghe davero. Mbè, stu bel libricì – che è ‘n po’ na surpresa perché ntéle librarie nun ze trova, ma al buchesciope del Museo dela Cità a Piaza del Papa ce l’hàne – serve propio a fàce véde qule poghe fonti del’antighità ancunetana che el tempo e j incidenti dela storia nun è riusciti a scancelà.
El libru, a dì el vero, saria ‘l catalugo de na mostra picenina urganizata qualche ano fa ala Pinacutega e passata guasi sotu silenzio. Ma invece ala fine diventa ‘n bel campiunario de reperti archiulogighi d’Ancona, e de citazió in latino o in itagliano antigo, ndó se parla dela Cità nostra ntéla note dj tempi. E po’, stu libro fenisce pe’ diventà guasi ‘n catalugo d’i splendidi tesori custuditi ntél Museo Diucesà che sta a fianco al Domo de San Ceriago.
È ‘n libro che costa propio pogo e – cume dice queli che parla bè – serve per “colmare una lacuna” (in ancunetà: rimpì ‘n bugio…) sul’intighità ancunetana. Se dimostra in diverze ucasiò quel che v’ho dito e ripetuto tante volte ntéla storia de Ancona a pontate, ciuè che sta cità nostra, ntél passato, è sempre stata cul’ochio che guardava più a este che a oveste… ntél caso nostro a Bisanziu, uverusia Custantinopuli.
Stu fato d’ Ancona ponte verzo l’Uriente, pudé stà sciguri che ntj ani a venì, ala cità nostra jé darà sempre più impurtanza. Mejo, alora, imparà qualcusina de più de cume andava le robe da nialtri più de mile ani fa!

Piero Romagnoli