You are currently viewing Giacchetta Gianfranco “‘Na strada che va verso el celu”

Giacchetta Gianfranco “‘Na strada che va verso el celu”

Pueti

Da “Ancona e la sua poesia – Varano 1987”

Se ‘ppogia su unu d’i coli
che fane curona al monte d’Ancona.
‘Ntel bivio un cartelu e ‘na frecia
dicene: ” Volta! Lassù c’è Varà!”
E tuta in salita la strada
e pare d’andà verso el celu.
Eco ‘na mura, un cancelu
e, de botu, le prime casete;
se sentene i primi rumori:
voci de done, de fjoli,
tigami che sbatene,
i chiopi che fane festosi i lenzoli
agitati dal vento;
de ghietro a ‘na frata
‘bbaia un cagnaccio rabito;
‘na tenda se scosta
e ‘na facia nascosta
guarda furtiva chi passa,
pò se ritira;
in mezo ala strada
fa da padrona
‘na vechia galina cujona
che fuge ‘ntel grepu e prutesta.
Cumpagna ‘n gigante
el campanile se piaza de fronte a chi ariva
per dà el benvenuto
e per dì ch ‘è arivato a Varà.
È come rivive ‘na fòla
bocà ‘ntun paese incantatu
de queli ch’hai sempre sognatu
guardando i presepi.
Respiri j udori più veri,
j udori de ieri,
j udori scurdati.
Davanti al tramontu
Vai via sudisfatu, sturditu,
un po’ impapuchitu
da l’aria e dal sole.
Da piedi ala strada
Riecu el cartelu e la scrita “Varà”.
Me viene la voja d’andalu a stacà,
gambià direzió a qula frecia
per fa tuto mio qul’incantu.
Po’, solu cò ‘n giogu de mente,
pìo un gesso e sotu al cartelo ce scrivo:
“Varà: tre case, ‘na piaza, ‘na chiesa
su ‘n monte, ‘ntra l’aria pulita:
se voi ‘ssaporà un po’ de celu,
imboca ‘sta strada in salita…”