Duilio Scandali “‘Na sfugita a Roma”

Duilio Scandali “‘Na sfugita a Roma”

“Na sfugita a Roma” è un’opera composta da quaranta sonetti
Qua una piccola selezione

.I. La sor’Alvira arriva alla Stazione
.XIV. Arrivo in Vaticano
.XXIII. Bisticcio linguistico
.XXIV. Giardino zoologico

.I. La sor’Alvira arriva alla Stazione

Oh, sor Dovilio!… Bravo! C’è il fachino?
Brau, ch’è venuto a prendermi…. Benone!
… C’è un fachino? Ma sa che in sta Stazione
non ce se pìa un capezzo? … C’è un fachino?

… Scì! Manco per le mele! Che persone!
Che ignoranza precoce!… C’è un fachino?
… Brau, sor Dovilio, faci lei il fachino;
mi faci un poco lei da guiderdone

tra sta fola… Ah, rivamo pre na prescia!
… Josu, i cali!… E ciò su i scarpini chiari!
Sa! J ho purtato a rigalà na crescia,

un stucafisso e na butilia vechia…
Dumani le spipamo a piedi pari…
… Sa che s’ingrassa, lei!… Come na stechia..

.XIV. Arrivo in Vaticano

In decolté col velo a gran svolazzi,
tuta in nero e col sdragio – e che sdragione! –
il londó scalpitando mi depone
propio avanti i Postolichi Palazzi.

Che momento solène!… Che ilusione!
Le fontane lanciava sprizzi e sprazzi…
Un nùgolo de gente e de ragazzi
mi fece lala fino in tel scalone…

Jè! Mi pareva d’esse una rigina!…
Sul limitare, poi, per farmi onore,
mi atendeva la Guardia Papalina!

La santinela svizzera – un bel biondo –
chinò la lalabarda co’ un tremore…
… Certo! A vedè na dama del gran mondo!

.XXIII. Bisticcio linguistico

Oge sentivo a stride: “Nochie bele!
Che bele nochie grosse!…” Io, sor Dovilio,
che per le nochie vado in visibilio,
me sbranco in quatro zzompi per vedéle.

“Che vienga qua, quel’omo… In du’ èle? in du’ èle?
Ciano il coralo? – dico – Io glie le pilio!…”
Alora st’omo, senza bater cilio,
me fa vedé na cesta de nocèle!

Che facia tosta, eh no!… Sti romanaci…
Dico: “Queste son nochie? E nun se foga?”
“So’ nochie, si; e che so?… So’ li mortaci?

Ma gli ho risposto ben con la mia fiaca:
“So’ nata, core mio, gió per la Chioga…
… È nochie un acidente che te spaca.”

.XXIV. Giardino zoologico

È una penzata bela, non gli pare?
Veder quegli animali disumani
che senza che ci possa mocigare
passegia come gnente tra i crestiani…

C’è i leoni d’Oltr’Alpe, rangotani;
orsi bianchi che vive in altomare…
C’è lionfanti che viene su le mani
co’ un naso longo longo a strofignare.

Tra i ruminanti ho visto, jè!.. le foche.
Sono infibi che vive drento al polo.
Papere zzozze, gage, storni ed oche;

cucali ch’ogni tanto staca el volo…
Cosa j dà da magnà cun tante boche?
… Purini! A posta j s’è slungato el colo.


Altri versi di Duilio Scandali qui: https://www.anconanostra.com/vernaculo/poeti/duilio/duilio.htm