You are currently viewing Sauro Marini “LastraZenècca. L’anconetano si vaccina”

Sauro Marini “LastraZenècca. L’anconetano si vaccina”

© Sauro Marini e Anconanostra.it
Liberamente riproducibile citando la fonte


Dopo d’avé sentito chiachierà
fior de scenziati, radio, rotocalchi
sui vantagi de fasse vacinà…
e dopo d’avé sentito BigheFarma
[1]
piàce pel culo cule quantità 
che un giorno ce n’era a tunelate
e el giorno dopo le scorte era fenite…
imbè te posso dì de tuto core;

penzavo che nun ce sarìa rivato
a fame fa el vacino aqui intél bracio.
Perché io ce tenevo ala puntura,
miga so come queli semplicioti
che dicene ch’è tuta n’invenzio’
ch’hane inventato per fregà i ciamboti…

Sempre sbacilando sul vacino,
vuléo sapé che cazo me spetava,
se Faizer, LastraZenècca, Giònzo&giònzo,
e’ Sputeniche, el Muderna o el CanZino [2]
(quelo cinese, cui ochi a mandulino),
so riuscito a prenutame l’iniezió
pel giorno tale ale ore tote
al Centro Paulineli, intél paló [3].

Scariga i foj, scriveli per bè,
firma la praivasi [4], codice fiscale,
le carte tute quante bele a posto,
el giorno del giudizio parto presto
per fame fa stu cazo de picoto.
Fila de fori: “Chiapa el numereto,
le firme hai messo tute per benì?
Adè poi bocà drento, li a sinistra,
métete in fila e nun te spazientì.”

Quatro file de sedie, po’ i taulini
de queli che cuntrola tuti i foj,
ce sta do dòne un tantinì rabite
che chiama i numeri per fate alzà:
“Quarantanove, se méta a sede là…”
Po’ n’antra fila pe’ spetà el dutore
che lège i foj, te fa qualche dumanda
giusto per fa vedé che lù è ‘struito,
po’ sputa la sentenza sul vacino:

“In base al fojo ‘namestigo [5] aqui sopro
lei gode otima salute, nun cià gnente
che pòle scunziglià LastraZenècca,
ma stia tranquilo, vedrà che nun se pente.”

Me toca LastraZenecca, e te pareva…!?

Vò dietro el zeparè cu’ l’infermiere,
la facia triste, me la vedo bruta,
me spojo el bracio, sento un picotì,
è fata, adio… saluti a te Saurì…

Legendo el fojo, quelo, el bugiardì [6]
te rendi conto che drento qula fiala
ce pole sta de tuto, proprio tuto,
e quel che po’ sucede da stasera
è mejo che n’el zai… dì na preghiera.

La note c’ho passato è stata tosta,
testa com’un paló, rincujunito,
dulore al bracio (quelo pizigato),
mal d’ossi, na sfebrata, nevralgia,
el mal de schina, ma va a murì mazato
el viruse e i cinesi, pussa via…

Tra incubi e dulori d’ogni raza
me c’è scapato però da ragiunà
e m’è venuto in mente, ripensando,
a tuta sta baraca del Covìde:
da indó sarà venuta sta bestiola?
Cinesi, pipistreli, el pesce crudo
che se ce penzo me sento tuto nudo,
murì per un bacilo [7]… nun sfagiòla!

Me giro lì ntél leto senza posa,
ciò l’alucinazió, dulori sparzi.
“In fondo è pel bè nostro stu vacino,
l’ha deto pure Gali là in tivù,
l’ha deto quelo triste, sci, Crisanti,
l’ha deto ancó Basseti, e po’ la Viola,
e Ilaria Capua l’inzegna pure a scola…
‘nzoma ce vole calma… passerà” [8]

Ma miga so cunvinto fino in fondo,
me viè da dì “Mavatteafattedà!”
E ve ce mando in grupo, tuti quanti,
giusto per fa la rima cun Crisanti!

Ma tuti sti penzieri nun me calma,
e mentre lì ‘ntél leto sudo ghiacio
ripenzo a nono che ciaveva un deto:
“Stavo proprio bè, senza prublemi,
ma, pe’ sta mejo, inté sta cassa… giacio [9]

——————-

23 aprile 2021, steso int’un leto de dulore…

Non è vero che sono stato così male, VACCINATEVI ANCHE VOI!


[1] Big Pharma
[2] Pfizer, AstraZeneca, Johnson & Johnson, Sputnik, Moderna, CanSino sono i vaccini ad oggi in produzione
[3] Centro vaccinale ubicato presso la struttura del Centro sportivo Paolinelli alla Baraccola di Ancona
[4] Privacy
[5]Scheda anamestica
[6] Bugiardino, foglio esplicativo dei medicinali
[7] Bacillo, anziché virus
[8] Galli, Crisanti, Bassetti, Viola, Capua, medici e ricercatori molto presenti nei talk show televisivi
[9] Giaccio


© Sauro Marini e Anconanostra.it
Liberamente riproducibile citando la fonte