Le grotte del Passetto

Storia ambientale e cultura materiale della Marina di Ancona
Marina Turchetti e Mauro Tarsetti

E’ impussibile, a truvà int’un antro posto de mare quel che c’è al Passétu. Le grote del Passétu, che giustamente sto libro divide in tre grandi categorie: quele del Gardeto, quele propio del Passétu, e quelle dela Piscina, dando però importanza più de tuti a quele de mezo, sò na roba pratigamente uniga che fa diventa el mare d’Ancona guasi ‘n monumento da fa tutelà dal’Unesco tipo patrimogno del’umanità.
Strano quindi che fino adè un libro che parlasse dele grote nun ce fosse mai stato, e grazie ai dó brai utori pr’avé rimpito sta mancanza.
El Passétu d’Ancona miga vole le vie de mezo: o jé vói bè da murì o proprio nun te gusta manco pe’ gnente. Defati j anconetani è divisi in dó: queli che ce vane sempre, e queli che nun ce vane mai. Io fago parte dela prima categoria, ma pró devo cunfessa che a diferenza de guasi tuti i frequentatori ‘bituali del Passétu, io nun ce só cresciuto, perché da fjolo andavo a Portunovo: è stata mì moje, che invece lia c’era diventata grande al Passétu, a fame capì cusa m’ero perzo fino a quel mumento. Adè, quanti sara i quintali de mosciuli che ho tirato fóri da qui scoj? Ve digo solo che io a Natale in provincia de Milano me magno i spaghéti cul zzugo de mosciuli surgelati pijati d’istate al Passétu… ve digo ancora che mentre tanta gente in camera da lèto cia l’imagine dela Madunina, io invece ció el poster dela Segiula del Papa.
Avendo cuminciato a anda al Passétu da grande, vóle dì che nun ció avuto mai la gróta o un parente che ce l’avesse, perché sinò a st’ora ciavria campato fin da fjolo. Per questo, quantu è venuto fóri sto libro, l’ho comprato de fuga.
C’è da dì che nun manca gnente: tuto quel che se sa sule grote ha truvato spazio; c’è diverze foto interessanti e qualcuna è ancora antiga; c’è dele foto a culori a centro libro, che te fa venì la pèla d’oca; te spiegane de tuto su come se fa per pescà i pesci vari; e c’è ancora na parte curiosa in fondo con tuti i prugèti che c’è stati pel Monumento ai Caduti, che menomale che hane scelto quelo che po’ è venuto su per davero, perché sino a st’ora tocava butali gió quj altri, da quant’erane bruti.
Ma pró, a sto libricì jé manca qualcó: forze è l’avé scrìto a più mani, forze è l’avé vuluto cercà i discorzzi difficili; forze è l’avé vuluto da rèta a tuti… nun cel zzó, ma: è un libro che bisogna aveccelo ma che forze, visto che avevane fato sto sforzo, pudeva venì fóri ancora mejo. Eco, dìmo che è un libro che nun scóre tantu bè a lègelo.
Comunque vujaltri nun dé rèta fino in fondo ale sciapate che digo io e, si sé dela categoria che se nun ce fosse el Passétu andriane in muntagna, sto libro andélo a cumpra: costa pogo, e de sciguru qualcó che ve gusta cel truvé.