Ciriaco d’Ancona e il suo tempo

Ciriaco d’Ancona e il suo tempo

Atti del Convegno di Studi organizzato nel 2000 dal Centro Studi Oriente – Occidente

È uscito pel’Edizió Canonici ‘n bel libro storigo su un perzunagio ilustre dela cità nostra, Ceriago Pizecoli, noto anche cul nome de Ceriago d’Ancona.
Stu libro, na perzona “prufana” che nun è del giro d’i studiosi, ciavria forzze ‘n po’ d’esitazió a cumpràlo, miga pe’l prezo (costa solo 15 euri e mezo) ma perché riporta j ati d’un cunvegno de studi urganizato dal Centro Studi Uriente-Ucidente ntél 2000. E alora se pudria penzzà che è ‘n libro nujoso, bono solo pr’j adeti ai lavori.
E invece nun è vero. Stu libro se lège bè, cume se pudria lège ‘n bel libro de storia. De sciguro, el merito più grande de sta legibilità ancora pe’l grande publico, è de Franco Cardini, el più grande medievista itagliano, che ntél’articulo d’apertura del cunvegno ce fa na panuramiga a livelo urupeo del periudo fine Trecento – inizio Quatrucento, che quantu l’hai fenita de lège te pare d’avé campato propiu a qui tempi.
Ceriago d’Ancona se póle dì che è el padre del’Umanesimo rinascimentale. Un omo che incarna ala perfezió le virtù e i difeti dela cità ndó era nato e cresciuto.
Fjolo de mercanti, e mercante ancora lù, aviato ala prufessió dopu avé ricevuto un micse de furmazió sia teoriga che pratiga, st’omo è stato iluminato pré tuta la vita sua da na curiosità e na voja da viagià iresistibili, che j’hàne permessu de cunósce bè na gran quantità del mondo mediteraneo, sia crestià che musulmà. El Quatrucento ancunetà, el zzeculo più glurioso dela Ripublica Marinara nostra, ne viè fóri ala grande. Cul Mediteraneo che è ancora al centro del mondo, sempre int’un equilibrio pogo stabile infrà putenze urupee e Islame turco, infrà cità marinare e cumerci d’ogni tipo, Papi e Cruciate, Bisanzio e Sultano, sto grande fjolo d’Ancona rapresenta davero e’ spirito de rinascita e de curiosità inteletuale, che stàne ala base del miraculo tuto itagliano del Rinascimento, na sintesi perfeta infrà l’antighità classiga e l’Uriente islamico. Qula sintesi – penzzamoce n’atimo – che nun è stata più ragiunta, ma che l’Uropa Unita, a distanza de cinque seculi, de novo ce l’ha a purtata de mà. E Ancona nostra, al’interno de sto grande disegno strategigo, pudria giugà na parte da prutagunista, cume ponte infrà culture diverze.