Ancona ha un patrimonio di scrittori e poeti vernacolari che non ci fanno invidiare nessun’altra città d’Italia. Con il tempo il linguaggio originale del popolo ha perso molte delle sue caratteristiche iniziali, ha perso molti vocabili, ha smussato le asprezze, si è miscelato con la lingua italiana dando origine ad una parlata che è solo lontana parente di quella dei nostri nonni. Per questo riportare alla luce gli scritti del secolo scorso serve a far rivivere questo patrimonio insostituibile della cultura popolare

Mario Tomassi “Vechia pésca”

Da "Aria de mare" Vechia pésca su i scoj rampignata (1) su trampoli infraidati (2) e sganganati (3) ... baracca, piataforma, pasaréla ... più te fai vechia e più me…

Continua a leggere Mario Tomassi “Vechia pésca”

Turno Schiavoni “‘Na fontanela seca”

Da "Poesie in vernacolo anconitano" In t'una stradiciola fori ma', 'ndo' vago qualche volta a rispira' un po' d'aria sprufumata, dietro 'na svolta c'è una palazina picenina picenina che resta…

Continua a leggere Turno Schiavoni “‘Na fontanela seca”

Duilio Scandali “‘Na sfugita a Roma”

"Na sfugita a Roma" è un'opera composta da quaranta sonetti Qua una piccola selezione .I. La sor'Alvira arriva alla Stazione .XIV. Arrivo in Vaticano .XXIII. Bisticcio linguistico .XXIV. Giardino zoologico…

Continua a leggere Duilio Scandali “‘Na sfugita a Roma”

Sauro Marini “La maniglia rota”

Primo premio per la Prosa, Festival del Dialetto di Varano 2001 Ciài presente quanto, ntéi mumenti che meno te l’aspeti, te pìa el cunvulzo de risarela per i mutivi più…

Continua a leggere Sauro Marini “La maniglia rota”

Andrea Panzini “sènzz’ iluminazió’”

Menzione di MeritoPremio Nazionale Letterario “Patrizia Brunetti” Senigallia (AN) XII°Edizione - 2019 é sbigiàva ‘na lùceùn lucigóre brùscudé Sóle ché traslùcedàl lucigà’ dé ‘n lùscu ùn Sóle dé dulórelàmpa ché…

Continua a leggere Andrea Panzini “sènzz’ iluminazió’”