QUalche tempo fa ha fato rumore le dichiarazió de un cunzigliere regiunale de Frateli d’Itaglia che nté un intervento ntél’aula cunzigliare dele Marche ha deto che drento casa “j omini deve dà le regule e le done hane da acudì”.
Diecine de ani de lote per emancipà la cundizió feminile e portàla a livelo dej omini (che se fosse per me duvrìane sta un tantì più in alto dei omini…) se vede che nun è servite a un cazo, e sti reaziunari ce vole fa arturnà ai tempi che le done facevane da magnà, smerdavane el culo ai fioli picoli e lavava i pagni del marito.
Semo in democrazia, el penziero è libero e (purtropo) ognuno se pòle inventà le scempiaggini più pegio del mondo, ma però dopo te devi rassegnà a becate critighe e ancora inzulti, se spari le cazate grosse come palazi da dieci piani
Parlo de cazate perché l’ilustre cunzigliere regionale oprendo la boca non ha pensato che el partito suo è guvernato da na dona, na certa Giorgia Meloni, che guarda caso non sta miga a casa a “pulire il culetto” al fiolo o a fa la cena al marito, ma fa pulitiga e ce sfinisce la vita cun tuti qui discorzi urlati che fa in parlamento e in giro per l’Itaglia.
Alora, da bon “Zumaro che raja” te digo na roba caro mio: prima de oprì la boca… penzace dieci volte e po’ magari sta zito!!!

Un zaluto dal “Zumaro che raja”