C’era na volta el Còvide…

… ma purtropo ce sta pure ogi e fa sempre più paura!
Ma nun è che fa solo paura perché è un viruse periculoso, scunusciuto, che se conosce ancora poghe carateristighe e che diventa sempre più cumplicato.
Ma fa paura ancora – e dirìa sopratuto – perchè ciavemo dei guvernanti che non capiscene manco quanto è longhi…
L’ultimo pruvedimento de Vignaroli ha stabilito che la pruvincia de Ancona è chiusa, nun se pole entrà né scapà via se non per mutivi de lavoro o altri mutivi urgenti.
Ma chettepiassencolpo (in senzo afetuoso sa’…), semo più de 400mila perzone nté stu teritorio, alora o ce fai sta a casa a tuti quanti e fai na bela zona roscia (ma è chiaro che stu culore a lu miga jé scunfinfera tanto!), opure che senzo cià i pruvedimenti a metà, un tantì tira e un tantì lenta, co na ma levi con qul’altra aridai.
Se semo in tanti a avé becato el viruse nun è che girando solo intéla pruvincia intorno casa ce disinfetamo.
Inzoma, come diceva sempre nono, “ma andé a sufià el naso ai galinaci”, altro che guvernà!

Un zaluto dal “Zumaro che raja”