Questo spazio è dedicato in particolare a Giorgio Occhiodoro ma anche a tutti gli autori che con carta e penna sono riusciti a far rivivere l’Ancona che non c’è più e tutti i personaggi che ci abitavano e che la caratterizzavano.
E proprio le parole di Occhiodoro, riprese da uno dei suoi tanti volumi, il 5° di “Ancona ieri”, aprono la rubrica: “Èchece qua, amici ancunitani e non, ò voluto esse de parola pe la prumessa che v’avevo fato ‘n ano fa: fenì sta specie de vucabulario de sopranomi de gente d’Ancona che cià preceduto intela vita de la cità e che cià lasciatu in qualche modo un ricordo. Un ricordo che pe la magior parte de le volte è alegro e spiritoso cume sapevane esse i nostri vechi anche se spesso trovavane l’aiuto int’un bichiereto de vì. E alora si la medicina è quela, pruvamoce pure nialtri. Cin-ci a tuti!”
Giorgio Occhiodoro